Around The World - Cosa significa essere un assistente di volo? Intervista a Marina Iuvara, autrice del libro di "Vita da hostess", che sarà tradotto e pubblicato in Inglese

Tratto dal sito www.chiediloaunpilota.it:


"Dobbiamo essere pronti a saper gestire una emergenza, anche e soprattutto sulla base di un costante addestramento. Siamo dei punti di riferimento, siamo parti di un team che deve funzionare perfettamente: gli spazi ed i tempi, a bordo, sono ristretti, ed è necessario sapersi integrare perfettamente pur non conoscendoci, perché gli equipaggi ruotano continuamente. Bisogna essere sempre il collega su cui si può contare, e sapere di poter contare sui colleghi: uno spirito forte, bellissimo e sempre presente che non deve mai venir meno, a beneficio di tutti. Questo richiede equilibrio, presenza a sé stessi. L'addestramento e l'esperienza sono fondamentali e provvedono a rinforzare queste doti. Naturalmente non è semplice, perché un assistente di volo è anche un compagno di vita di qualcuno che deve lasciare a casa da solo per giorni interi, è anche una mamma, un papà il cui figlio in quelle stesse ore deve sostenere un esame importante, ad esempio. Insomma, dietro il sorriso di un A/V ci sono tante cose che devono restare dove sono, senza influenzare il lavoro. La distanza fisica, il non poter comunicare né essere contattati con facilità, rendono le cose molto più difficili da gestire, da un punto di vista emotivo, oltre che pratico.  Essere in un altro continente fa pesare la lontananza, e può ingrandire i problemi o certe sensazioni, rendendo più difficoltoso gestirle. Essere un assistente di volo è anche questo, a volte, ma non solo. Gli aspetti positivi e le opportunità sono molteplici, si diventa “cittadini del mondo”, si hanno infinite possibilità di conoscenze, di scambi interculturali, puoi scegliere di visitare musei internazionali, monumenti e mostre in ogni nazione, attraversare la grande muraglia cinese, scalare le piramidi azteche, osservare i gabbiani tuffarsi tra le onde dell’Oceano Pacifico, inoltre puoi comprare mango e papaya direttamente in Brasile, i giochi elettronici a Seul,  le orchidee in Thailandia, scegliere il parrucchiere in Argentina o frequentare qualche lezione di tango, acquistare le scarpe a San Paolo, girovagare nei suk, i tipici mercati arabi, sorseggiare un rum anejo a l’Havana, frequentare una palestra a New York o fare yoga a Los Angeles."

 

Continua a leggere QUI 


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.


MARINA CASTELLANA - Apulia Living - b&b - Via Battisti 121 - Castellana Grotte